Storia

LAZIO PALLAVOLO è una realtà di rilievo nel panorama sportivo nazionale. Sezione pallavolo della polisportiva “Lazio”, è una società sportiva dilettantistica senza scopo di lucro che conta in media più di 250 atleti tesserati e partecipa a 10 campionati federali maschili e femminili a livello nazionale, regionale e provinciale.

La società è stata rilevata negli anni ’90 dalla famiglia romana d’Arpino e proprio nella compagine familiare ha trovato la sua forza, particolarmente grazie al traino del suo principale dirigente, l’imprenditore Giorgio d’Arpino, atleta e dirigente sportivo di lunga esperienza.

La proprietà è rimasta, sinora, volutamente concentrata, cosa che ha consentito una piena espressione della competenza e del know-how determinati dalla provenienza della famiglia imprenditoriale dagli ambienti sportivi. Questo ha connotato, nel contempo, la società di una solida cultura aziendale, mentre veniva rafforzata la struttura organizzativa, con programmazioni proiettate su orizzonti temporali medio lunghi.

Alla fine del 2015 la società ha chiuso definitivamente il capitolo “Casa Lazio Bob Lovati“, che dal 2006 ha assorbito energie e investimenti alla struttura nella speranza di offrire alla città di Roma un grande impianto per lo sport e gli eventi. Il 2016 è quindi l'anno della restrutturazione, con un importante rafforzamento dell'organigramma, la nomina di nuovi dirigenti, il sostegno di nuovi sponsor. Viene introdotto quindi un responsabile commerciale; rafforzata l'area marketing e comunicazione; nominato direttore sanitario il prof. Roberto Verna; creata una redazione online per il ripristino del glorioso magazine di pallavolo "Momento Volley".

Nata nel 1951, con più di sessant’anni di storia, dal momento dell’ acquisizione la società ha acquisito una immagine nuova, focalizzata sull’aggregazione giovanile, la cultura nello sport e attività a sfondo sociale, riuscendo a corredare l’attività prettamente agonistica con quella di diffusione dello sport e manifestazioni sportive di rilievo in tutta Italia. Lazio Pallavolo è promotrice da oltre vent'anni della manifestazione "Amorvolley - un bambino aiuta un bambino", evento di solidarietà che nelle diverse edizioni ha portato migliaia di bambini delle scuole romane a giocare a pallavolo nei luoghi più rappresentativi di Roma, come piazza s. Pietro, dove hanno ricevuto la benedizione di Papa Giovanni Paolo II.

Nella sua storia, ha partecipato regolarmente a diversi campionati federali e connotandosi di una riconosciuta trasparenza, serietà, lealtà sportiva e, non ultima, una sana competitività agonistica, che ha permesso alle squadre di militare sempre fra serie A e serie B.

 

 

Nel 1996 viene rilevata da Giorgio d’Arpino che,mosso da una grande passione per il Volley, intende rinnovare la società e seppur in un’ottica di continuità con il suo passato di successi, stabilisce obiettivi ancora più ambiziosi, primo fra tutti tornare a essere una realtà di rilievo nella scena nazionale del Volley, raggiungendo sempre più alti traguardi sportivi. Punta molto, inoltre, sul rafforzamento dell’identità della società, fatta di eccellenza sportiva, giovani e scuola, divulgazione e, soprattutto, fatta di “lazialità”, importante collante e leva emozionale importante.

In sei anni la società ha portato le squadre a questi risultati:

2004 – 2005 serie B2 (promozione in B1)
2005 - 2006 serie B1
2006 - 2007 serie B1
2007 - 2008 serie B2 (promozione in B1)
2008 - 2009 serie B1
2009 - 2010 serie B1 (settore femm.e masch.)

con divisione maschile (serie B Nazionale, serie D Regionale, Prima Divisione Provinciale, Terza Divisione Provinciale, Under 20 Nazionale, Under 18 Nazionale, Under 16 Nazionale, Under 14 Provinciale, Mini Volley) e femminile (serie B Nazionale, Seconda Divisione Provinciale, Terza Divisione Provinciale, Under 18 Nazionale, Under 16 Nazionale, Under 14 Provinciale, Under 13 Promozionale, Mini Volley).

La Lazio Pallavolo, rispetto ad altre società sportive, ha potuto contare su una importante peculiarità: la partecipazione in prima persona del presidente e socio di maggioranza, Giorgio d’Arpino, noto nell’ambiente sportivo nazionale, che ha costruito e consolidato negli anni la rete di rapporti e un’immagine aziendale immune da qualsiasi opacità. Giorgio d’Arpino, dal 1974 Prof. di Educazione Fisica, nel 1978 è Vice-Presidente della F.I.L.P.J.; consigliere nazionale Jujitsu dal 1975 al 1982, dal 1978 al 1986 è stato responsabile del settore promozione Fed. Ginnastica Italiana. Successivamente ha ricoperto l'incarico di presidente della F.I.E.F.S. (Fed. Italiana Ed. Fis. Sportvi) Ass. Ben. C.O.N.I. e, dal 1990 al 1994, di Presidente del Settore Scuola FIPAV. Dal 1994 al 1996 Vice-Presidente del Comitato Provinciale FIPAV, acquista la S.S. Lazio Pallavolo di cui è Presidente dal 1996. L'attività nel segmento della Pallavolo si esplica, in parallelo, nell'attività di Vice-Presidente della Lega Nazionale Pallavolo - serie B di cui è incaricato dal 2002 e con il settimanale “Momento Volley”, una delle prime realtà editoriali dedicate alla Pallavolo nazionale, che fonda nel 1999. Fra gli altri incarichi di Giorgio d'Arpino quello di Presidente dell' AssoPrati 17 (Ass. Sport. di quindici società del mun. XVII); di Rappresentante, al Comune di Roma, dei 400 Centri Sport. Scol. Municipali; di giornalista, conduttore ed opinionista di trasmissioni televisive e radiofoniche; di rappresentante della Commissione Comunale di 430 centri sportivi municipali, attraverso cui è diventato, per circa 20.000 famiglie romane, il contatto diretto con lo sport capitolino, promuovendo fattivamente l’attività sportiva scolastica ed extra scolastica di 58 scuole romane.